SAN TERENZO BORGO

San Terenzo appare come un luogo senza tempo, la cui essenza è rimasta immutata riuscendo a conservare in sé quella connotazione da tipico borgo marinaro. Nato come paese di pescatori e diventato poi un rifugio per artisti e intellettuali, riesce a fondere in un tutt’uno il mare, la larga spiaggia e l’emozione multicolore delle inconfondibili case liguri. Con le sue abitazioni arroccate intorno il Castello che, posto su uno sperone roccioso, chiude la piccola baia di Lerici. San Terenzo è un luogo che sa incantare per la sua atmosfera tranquilla e raccolta, suggerisce alle persone di compiere camminate lungo la passeggiata sotto le balze rocciose del Castello, dove fermarsi a prendere il sole di giorno o ammirare, la sera, le luci del borgo di Lerici dall’altre parte del golfo.

SAN TERENZO E IL SUO CASTELLO

Subito dopo Piazzetta Brusacà, sorge il Castello di San Terenzo posto sotto dal la Direzione regionale Musei Liguria

L’antico maniero, arroccato su uno sperone a strapiombo sul mare, cela ad un primo sguardo del visitatore la meravigliosa insenatura della Marinella e l’intima spiaggia di sassolini riparata dai venti del nord che tanti poeti ha fatto innamorare, raggiungibile percorrendo il belvedere ai piedi del Castello.

Alla riapertura di giugno 2020, il percorso visita è stato rinnovato con pannelli descrittivi sulla storia del castello, il borgo di San Terenzo e il Golfo dei Poeti. Gli accessi sono contingentati in base alla capienza.
Aperto dal martedì alla domenica, dalle 18.00 alle 23.00.
Per maggiori informazioni o per prenotare visite guidate per gruppi
www.castellodisanterenzo.it  – info@castellodisanterenzo.it – tel. 0187 622080 – 388 4750863 – 350 532 4301

SAN TERENZO E IL SUO CASTELLO

Subito dopo Piazzetta Brusacà, sorge il Castello di San Terenzo posto sotto dal la Direzione regionale Musei Liguria

L’antico maniero, arroccato su uno sperone a strapiombo sul mare, cela ad un primo sguardo del visitatore la meravigliosa insenatura della Marinella e l’intima spiaggia di sassolini riparata dai venti del nord che tanti poeti ha fatto innamorare, raggiungibile percorrendo il belvedere ai piedi del Castello.

Con la riapertura di giugno 2020, il percorso visita è stato rinnovato con pannelli descrittivi sulla storia del castello, il borgo di San Terenzo e il Golfo dei Poeti. Gli accessi sono contingentati in base alla capienza, secondo nuovi orari di apertura.
Ingresso Euro 2,00 (ridotto €1,00)
Per maggiori informazioni o per prenotare visite guidate per gruppi: www.castellodisanterenzo.it – info@castellodisanterenzo.it – tel. 0187/622080 – 388/ 4750863

SAN TERENZO, LUOGO D’ISPIRAZIONE

San Terenzo è stato scelto da molti poeti e scrittori, per trascorre qualche mese o viverci per sempre.
Intellettuali e artisti riuscirono a trovare in questo borgo ispirazione, tranquillità e concentrazione. Il luogo simbolo del passaggio di questi artisti è Casa Magni dove nel 1822 Percy Bysshe Shelley e la moglie Mary vissero un breve ma intenso periodo della loro vita. Nel 1892 sarà il pittore svizzero Arnold Böcklin a tracciare sulla tela le emozioni pittoriche trasmesse dalla costa.

Nel 1933 in un hotel a pochi passi da Casa Magni, Virginia Woolf trascorse alcuni giorni ricordando quel soggiorno nel suo diario. Fra Lerici e San Terenzo si trova Villa Marigola, che ospitò personaggi illustri. Uno dei più importanti fu lo scrittore Sem Benelli che coniò il termine Golfo dei Poeti durante l’orazione funebre dedicata al poeta e antropologo Paolo Mantegazza.