Caricamento Eventi

Landscapes for Holidays  è un progetto d’arte contemporanea a cura del collettivo Assume There’s A Landscape che si terrà dal 1 al 29 ottobre 2022 nel castello di San Terenzo (SP), piccola località balneare della riviera ligure.

La mostra parlerà di turismo e di come questo abbia cambiato il nostro rapporto fisico ed emotivo con il paesaggio.

L’IMPORTANZA DEL RAPPORTO TRA INDIVIDUO E PAESAGGIO

San Terenzo è un borgo che durante l’estate è estrememante interessato dal turismo. Ne sperimenta i vantaggi economici e gli le controversie nel rapporto dei cittadini con la propria terra. Per questo abbiamo deciso di sceglierlo come luogo di una mostra che vuole mettere in discussione questo modello.

La mostra si articola negli spazi interni ed esterni del castello e vede la partecipazione del collettivo Assume There’s A Landscape e di giovani artiste e artisti emergenti i cui contributi indagano come il turismo trasformi il nostro paesaggio e la nostra relazione con esso.

Come molti territori del turismo balneare anche San Terenzo vine nella compresenza di due temporalità: la stagionalità del turismo e la quotidianità di chi risiede nel proprio territorio, le quali determinano fenomeni in grado di alterare e ridefinire la struttura fisica e percettiva del paesaggio.

Proprio nel mese in cui queste due dimensioni vanno svanendo l’una nell’altra, vogliamo rievocare questa complessa commistione tra vocazione turistica e processi di identificazione con il territorio, al fine di avviare una riflessione collettiva attorno a temi come gli usi dello spazio indotti dal turismo, la nostra relazione con il territorio e come questa stia cambiando.

RIPENSARE IL RAPPORTO TRA COSTA E TURISMO

La mostra è pensata per offrire un contenuto significativo sia ai turisti che agli abitanti.
Proprio per questo, grazie alla collaborazione con il ComunePro Loco di San Terenzo, l’inaugurazione della mostra sarà occasione di incontro e dialogo in cui diversi ospiti come progettisti e studiosi del paesaggio si confronteranno con gli artisti e il pubblico.